La città del futuro

 

 

Tra cento anni le città saranno sicuramente più belle e più evolute rispetto a quelle di oggi.

 

Nel futuro l’inquinamento sarà sotto controllo, perché non si produrrà più plastica, ma soprattutto si diffonderà una cultura dell’ecologia che porterà ogni persona a rispettare la natura.

 

Il clima, invece, non subirà più l’effetto serra e si inizierà a respirare meglio, ma soprattutto la natura crescerà meglio.

 

La povertà sarà sconfitta una volta per tutte, ci sarà cibo a volontà su ogni tavola e denaro in tutte le tasche.

 

Le città saranno tutte grandi e ci saranno molti grattaceli per ospitare tante persone, visto che la popolazione mondiale aumenterà fino a raggiungere i 10 miliardi.

 

I grattaceli saranno tutti eleganti e puliti con giardini  molto grandi sui tetti.

 

Mi immagino le strade sotterranee pulite senza immondizia e le auto non saranno più a benzina che è prodotta dal petrolio, ma ci saranno auto volanti a elettricità.

 

Le tecnologie saranno tutte migliorate con intelligenza artificiale, verranno sviluppati dei nuovi robot pensanti, le TV e gli smartphone aumenteranno i pollici.

 

La scuola cambierà tanto, perché tutti potranno scrivere, leggere e studiare con il tablet. I professori insegneranno benissimo, e non faranno mai preferenze.

 

Le città saranno costruite nel mare, e costruiranno un sistema sotto marino per la prevenzione degli tsunami.

 

Tutti gli uomini vivranno in pace senza guerre.

 

(Albanese Alessandro)

 

 

 

Per me le città del futuro saranno molto pulite e piene di giardini pubblici e saranno abitate da famiglie numerose con molti bambini.

 

Nelle scuole non si useranno più i libri ma tutti gli studenti avranno un tablet. Se un ragazzo dovrà assentarsi per malattia potrà  seguire la lezione da casa, in modo da non rimanere mai indietro.

 

Immagino che non ci sarà più l’inquinamento che c’è oggi, perché l’energia sarà prodotta dal sole e dall’aria. Il clima migliorerà ei ghiacciai torneranno a formarsi al polo nord.

 

 

Le auto spariranno perché  ci sarà il teletrasporto; una tecnologia che oggi sembra fantascientifica, ma che gli scienziati che si occupano di meccanica quantistica stanno realmente studiando.

 

Non ci sarà più povertà e tutte le persone potranno accedere ai servizi fondamentali, come la scuola e gli ospedali.

 

Gli stati collaboreranno tutti assieme e ci sarà un perfetto mix di etnie e culture.

 

Le diverse religioni coesisteranno in pace e il timore di una terza guerra mondiale sarà scongiurata per sempre.

 

(Chantal Agostini. Classe 1)

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *