Biologico

L’agricoltura biologica


L’agricoltura biologica è un tipo di produzione  che considera l’intero ecosistema agricolo, sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati, vuole promuovere la biodiversità dell’ambiente in cui opera, evita lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, in particolare del suolo, dell’acqua e dell’aria, e esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (OGM).

L’agricoltura biologica è un metodo di produzione definito dal punto di vista legislativo a livello comunitario con i regolamenti CE 834/07 e 889/08 e a livello nazionale con il D.M. 18354/09.

L’agricoltura biologica si differenzia dagli altri modi di coltivare sostanzialmente per:

  1. il totale rifiuto di utilizzo di sostanze derivanti da sintesi;
  2. l’impiego di semente biologica certificata o non trattata;
  3. la scelta di farsi controllare e certificare da un organismo di controllo;
  4. l’attenzione a salvaguardare ed aumentare la fertilità naturale di un terreno.

Nel concreto nell’orto di Francesco non si utilizzano concimi chimici, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere. Per la gestione delle erbe infestanti (che alla Scuola Esperienziale ci hanno saggiamente insegnato a chiamare “accompagnatrici”) si usa la zappa, la motozappa ed altri macchinari a traino utili al loro contenimento. Si interviene meccanicamente quando la pianta accompagnatrice è ancora piccola e quindi non ha seme per rimuoverla dal terreno possibilmente con le radici. E’ importante intervenire finché la pianta è piccola per agevolare l’operazione di rimozione e ridurre così la carica di semi presenti nel terreno.

 

Sovescio
Area destinata al sovescio (seminata a sorgo)

Facciamo un ampio uso della tecnica del sovescio che è una pratica atta a migliorare la fertilità del terreno. Consiste nel seminare e lasciare crescere fino a un certo stadio di sviluppo (generalmente, fino alla fioritura) una o più specie di piante dell’erbario, dopodiché la vegetazione viene trinciata o falciata e interrata: questa tecnica apporta azoto, contribuisce al mantenimento della struttura del terreno, limita l’erosione, contiene le erbe infestanti.

Per la lotta agli insetti dannosi alle colture, si  utilizzano sostanzialmente due prodotti ammessi in agricoltura biologica: il piretro e il Bacillus Thuringensis (BT), un batterio che viene impiegato per il controllo biologico di diverse specie di insetti dannosi. Nella difesa dagli insetti fondamentale è il monitoraggio continuo delle colture per poter valutare, ed eventualmente intervenire, tempestivamente e nel modo meno invasivo possibile.

Una carellata dei prodotti dell’orto: